Beyoncé è una bionda naturale

Lo so, scusatemi ma è più forte di me. Non mi è mai piaciuta Beyoncé Knowles, non mi è mai andato il suo ruolo da saputella del cazzo, da leader of the gang, da privilegiata nel gruppo prima, e da overestimated dopo, come solista.

Oggi me la ritrovo nella nuova campagna pubblicitaria della L’Oreal, di cui è testimonial già da diversi anni:

No, dico: parliamone! Ma con che cazzo di colore le hanno tinto il crine? Sembra un travestito dei Navigli! E il naso? L’hanno tirata tutta con Photoshop e le hanno lasciato quella canappia smisurata? A parte che la pelle scura e la tinta chiara mi inducono automaticamente a immaginare una folta peluria tenera come la muffa sopra le labbra, sapientemente rimossa!

Pare, inoltre, che siano stati applicati degli innesti nella chioma di Beyonce, aggiungendo ciocche di capelli di giovani donne bianche morte. L’indiano che avrebbe operato gli scalpi avrebbe infatti dichiarato: “Giovane donna bianca non ha fumato con me mia pipa, non ha suonato mio tamburo o ha seduta sotto di mia tenda. Così ho uccisa e venduto capelli di lei a Bionsè in cambio di CD di Sabrina Salerno“.

Come se non bastasse, scopro anche chelei non era sufficiente a romperci l’anima! No! Tra poche settimane la sorellina di Beyoncé, Solange, invaderà le radio americane il suo primo singolo: “I Decided“. La canzone farà da apripista all’album “SoL-AngeL and The Hadley St. Dreams” che già dal titolo è tutto un programma. Lei, 22enne, è la sorella sbagliata di Britney Spears (o forse quella giusta?): ha già un divorzio alle spalle, un figlio di 3 anni, e si appresta ad un trasloco nella Hollywood che conta.

Non vedevamo l’ora!

facebooktwittergoogle_pluspinterestmailby feather

LasciaCI un commento attraverso la Facebokkina


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>